Perché investire nel benessere dei dipendenti è una mossa vincente

welfare aziendale indietro

Se non esiste una ricetta infallibile per il successo di un’azienda, ci sono però ingredienti che si rivelano indispensabili per migliorarne le performance. Uno di questi è il welfare aziendaleuniverso di servizi e benefit che il datore di lavoro offre per incrementare il benessere del dipendente e della sua famiglia attraverso una diversa ripartizione della retribuzione. La soddisfazione delle persone interne a un’organizzazione è un fattore determinante per un business sano e in crescita perché va ad agire sulla motivazione e sul senso di appartenenza. Oggi il welfare in azienda rappresenta uno dei principali strumenti a disposizione del mondo HR per promuovere il work life balance del capitale umano e per aumentarne il potere d’acquisto.

Il benessere sul posto di lavoro è fondamentale: un clima sereno riduce sensibilmente l’assenteismo, fa aumentare l’employer branding e conseguentemente le possibilità di talent acquisition employee retention. È proprio sulla valutazione del clima sul posto di lavoro che ogni anno Great Place to Work (società di consulenza specializzata nell’analisi di clima aziendale) stila la classifica dei Best Workplaces del mondo. Ai primi posti in Italia c’è anche Musement, partner di Giunti Academy per l’area Management dei Beni Culturali. Paolo Giulini, Co-founder & VP offer development dell’azienda, ci ha raccontato alcune delle strategie di welfare e people caring messe in atto: «La certificazione Great Place To Work è stata per noi un riconoscimento importante, la conferma del nostro impegno a costituire un ambiente lavorativo all’avanguardia in un contesto culturale innovativo. Per citare un esempio, siamo molto orgogliosi della flessibilità di cui godono i nostri dipendenti attraverso lo smart working. Uno dei punti forti del nostro team è poi il contesto meritocratico: ogni dipendente è incoraggiato a partecipare con le proprie idee alla crescita dell’azienda».

Servizi e proposte su misura

Progettati intorno ai bisogni reali delle persone con rimborsi o fornitura diretta di servizi, le attività di people caring possono comprendere proposte ricreative o culturali: biglietti per eventi, sconti su viaggi, attivazione di abbonamenti in palestra, corsi per approfondire le proprie passioni, buoni pasto o buoni spesa. Ma gli interventi di welfare aziendale riguardano anche molte altre prestazioni (fisiche) e benefici (monetari) pensate per dare risposte concrete a esigenze prioritarie legate ad esempio alla salute, alla genitorialità, alla casa o al sostegno del reddito in caso di malattia, maternità, infortunio, invalidità, disoccupazione, vecchiaia.

Rispetto a queste opportunità spesso complesse da coordinare e comunicare all’interno di una azienda, sono nate numerose piattaforme dedicate: basta collegarsi con un account assegnato per accedere a tutte le agevolazioni welfare offerte della proprietà. Si tratta di piattaforme gestite da grandi gruppi come Edenred o Sodexo, ma anche da dinamiche startup come Jointly, capaci di offrire pacchetti su misura o flexible benefit, ovvero budget di spesa integrativa rispetto alla retribuzione.

Cosa ne pensano i lavoratori?

In generale, quando il welfare aziendale viene spiegato e comunicato in modo corretto, viene accolto in modo molto positivo dai dipendenti. Secondo l’indagine condotta dal Censis, tra gli interventi più apprezzati troviamo quelli in area salute (graditi dal 53% dei lavoratori), seguiti da quelli di assistenza sociale (al 35%), in coda quelli di previdenza  (31%). Da un’analisi condotta dalla piattaforma di recruitment Infojobs è emersa inoltre una grande richiesta di servizi in area fitness: il 91,5% dei lavoratori preferirebbe poter scegliere tra più attività sportive. Per rispondere a questa esigenza stanno nascendo abbonamenti aziendali gestiti da portali come Gympass, che mettono in rete migliaia di palestre in tutta Italia. Per i genitori invece è rilevante tutto ciò che è legato alla formazione dei figli: dal nido ai corsi universitari. Ma la formazione può essere anche mirata al talent management e alla motivazione. Attraverso corsi di specializzazione, aggiornamento e team building, ad esempio, si soddisfa il bisogno di migliorare le competenze del dipendente, se ne aumenta la leadership e si porta valore aggiunto in azienda. 

Una legge per il welfare

Con la Legge di Stabilità del 2016 il legislatore ha colto la necessità di regolare questo ambito e ha varato precise disposizioni in materia fiscale che ne prevedono la piena deducibilità dal reddito di impresa (se non sono unilaterali e volontarie). La Legge prevede anche una nuova forma di welfare, quello di produttività, che permette la detassazione e l’esenzione dei premi di risultato e ne regola la modalità di erogazione: in sostituzione dei premi di risultato i dipendenti possono oggi ottenere servizi. C’è dunque da aspettarsi che il welfare avrà entro breve un’applicazione ancora più diffusa perché riesce a soddisfare le nuove aspettative di sicurezza sociale dei beneficiari e allo stesso tempo facilita il conseguimento di buone performance lavorative. Se questo non bastasse, questa nuova forma di sostegno al reddito, contribuisce decisamente alla soluzione della crisi di sostenibilità del sistema di welfare pubblico.

Una soluzione win-win

Gli sgravi fiscali previsti favoriscono la scelta di questa soluzione da parte delle imprese; inoltre associando le proposte di welfare al premio di risultato, danno un segnale di modernità perché dimostrano di prediligere una politica di HR cooperativa e non conflittuale. Le performance e il conseguimento degli obiettivi diventano infatti il presupposto per il benessere di tutti, proprietà e dipendenti.

Il tema del Welfare aziendale, inteso come elemento distintivo e caratteristico di una People Strategy efficace è affrontato ampiamente nell’offerta formativa di Giunti Academy in ambito Risorse Umane, sia nel percorso full time Master HR Management, rivolto a giovani neolaureati sia nel percorso part time HR Management 4.0 rivolto a professionisti HR.

Giunti Academy
school of management
00421250481
Giunti Academy Logo
  1. Homepage
  2. News & Blog
  3. Perché investire nel benessere dei dipendenti è una mossa vincente
tutte le news prev next
News & Blog
Questo sito utilizza i cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie.